• 1
  • 2
  • 3

Humiliation

Humiliation

I survived the dinner,
And the air went thinner.
I retire to the briars by the pool
It gets so loud.

If I die this instant,
Taken from the distance,
They will probably list it down
Among other things around town.

Got my rings around me,
I got baby to pound me.
I see stars and go weak.
My baby cries and lays me down.

In the skies over black Venice,
I see eyes of a white menace.
The surprise of the week
Is that I never heard the sound.

And all the L.A. women
Fall asleep while swimming.
I got paid to fish them out
And then one day I lost the job.

And I cried a little.
I got fried a little.
Then she laid her eyes on mine
And she said “babe, you’re better off”.

I got my rings around me,
I got baby to pound me.
I see stars and go weak.
My baby cries and lays me down.

In the skies over black Venice,
I see eyes of a white menace.
The surprise of the week
Is that I never heard the sound.

Tunnelvision lights my way.
Leave my little life today.

As the freefall advances,
I’m the moron who dances.

I was teething on roses.
I was in guns and noses.

Under the withering white skies of
Humiliation.
Under the withering white skies of
Humiliation.

Tunnelvision lights my way.
Leave a little life today.

Tunnelvision lights my way.
Leave a little life today.

She wore blue velvet
Said she can’t help it
She wore blue velvet
Said she can’t help it
She wore blue velvet
Said she can’t help it

Umiliazione

Sono sopravvissuto alla cena,
E l'aria è diventata più rada.
Mi ritiro tra i rovi vicino la piscina
Si scatena il macello.

Se morissi in questo istante,
Venissi preso da lontano,
Probabilmente lo metterebbero in lista
Fra le altre cose accadute in città.

Ho gli anelli attorno a me,
Ho convinto il bimbo a martellarmi.
Vedo le stelle e mi sento debole.
Il mio bimbo piange e mi fa sdraiare.

Nei cieli sulla nera Venice[1],
Vedo gli occhi di una bianca minaccia.
La sorpresa della settimana
È che non ne ho mai sentito il suono.

E tutte le donne di L.A.
Si addormentano mentre nuotano.
Venivo pagato per ripescarle
E poi un giorno ho perso il lavoro.

E ho pianto un pochino.
Mi sono un po' agitato.
Poi lei ha posato i suoi occhi sui miei
E ha detto "bello, meglio se te ne vai".

Ho gli anelli attorno a me,
Ho convinto il bimbo a martellarmi.
Vedo le stelle e mi sento debole.
Il mio bimbo piange e mi fa sdraiare.

Nei cieli sulla nera Venice,
Vedo gli occhi di una bianca minaccia.
La sorpresa della settimana
È che non ne ho mai sentito il suono.

La tunnel vision m'illumina il cammino.
Lascio la mia piccola vita oggi.

Mentre la caduta libera avanza,
Sono l'imbecille che balla.

Stavo addentando rose.
Ero dentro pistole e nasi.

Sotto i bianchi cieli morenti di
Umiliazione.
Sotto i bianchi cieli morenti di
Umiliazione.

La tunnel vision m'illumina il cammino.
Lascia un po' di vita, oggi.

La tunnel vision m'illumina il cammino.
Lascia un po' di vita, oggi.

Era vestita di velluto blu
Disse che non poteva farne a meno
Era vestita di velluto blu
Disse che non poteva farne a meno
Era vestita di velluto blu
Disse che non poteva farne a meno[2]

 [1] Con Venice qui difficilmente ci si riferisce a Venezia: è un distretto di Los Angeles, famoso soprattutto per le sue spiagge e per i canali che lo attraversano. Proprio per questo motivo prende il nome dalla città lagunare italiana, ndT

 [2] Questi ultimi versi non sono in realtà inseriti nel testo ufficiale presente nel booklet (ricordiamo che Trouble Will Find Me è il primo disco in assoluto della band a riportare i testi dei brani nell'album), anche se vengono cantati da Matt, ndT

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random
  • Trouble Will Find Me e Tour 2013/14

    Una raccolta di tutti gli articoli sul nuovo disco e sul tour 2013/2014
  • News

    Tutte le ultime notizie sulla band in un archivio in costante aggiornamento
  • Testi e traduzioni

    Cerca nella nostra discografia tutti i testi con traduzione a fronte
  • Bootlegs

    Scarica i live della band e aiutaci a tenere aggiornato il nostro archivio (devi aver postato almeno un messaggio per
  • Concorsi

    Partecipa ai nostri concorsi: potrai vincere biglietti, CD... E molto altro!
  • Shop

    Acquista le t-shirt di SlowShow.org

"A partire da Boxer, il pubblico è diventato più numeroso, e ora siamo stati costretti ad affrontare il fatto di dover suonare davanti a così tante persone. Ma per Matt è ancora un po' come fare un tuffo nell'acqua fredda. Quando sembra ubriaco o sembra che si stia picchiando da solo fuori ritmo, penso che sia semplicemente perso nella musica. Spesso chiude gli occhi perché, se guardasse le migliaia di persone davanti a lui, credo che potrebbe perdere il treno dei suoi pensieri. Ogni tanto qualcuno si chiede se ha un qualche genere di disturbo nervoso o se è pazzo, ma è semplicemente lui."

(Aaron Dessner)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per le sue funzionalità. Cliccando su OK o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Clicca qui per saperne di più.