Notizie

Nuove disponibilità per Londra

Sono tornati disponibili alcuni (pochi!) biglietti per lo show di Londra del 10 agosto: li potete acquistare a questo link; per ora sono a disposizione i soli settori verde e celeste al costo di 20 sterline.

Discutine sul nostro forum

Intervista ad Aaron

Pitchfork.com ha pubblicato un'intervista ad Aaron Dessner nella quale si parla della compilation Dark Was The Night e del nuovo album; riguardo a quest'ultimo il chitarrista afferma: "Non abbiamo un titolo e ci mancano molti dei nomi delle canzoni. Molte volte, questi nomi restano attaccati per un po', ed alcuni rimangono. Quindi adesso quasi tutte le canzoni che ho scritto prendono il loro nome dalle battaglie della Guerra Civile, e mi ci sto affezionando. Poi piano, piano Matt li cambierà in qualcos'altro". Aaron smentisce però che si possa trattare di un album incentrato sulla Guerra Civile, spiegando che l'abbondanza di titoli sull'argomento è semplicemente dovuta al fatto che in questo periodo, grazie alle numerose nuove pubblicazioni in occasione del bicentennale della nascita di Abramo Lincoln, le sue letture sono state molto incentrate in tale direzione.

Discutine sul nostro forum

Tour europeo: nuova data

Ufficializzato un nuovo concerto: il 2 agosto i The National si esibiranno a Helsinki in occasione dell'Ankkarock Festival 2009. Informazioni sulle prevendite saranno presto pubblicate alla pagina degli show di Americanmary.com.

Discutine sul nostro forum

Nuova data europea

E' stata giunta una nuova data al tour europeo previsto per quest'estate. Si tratta di uno show in Portogallo, al Sudoeste Festival nella serata del 6 agosto; biglietti su Ticketline.pt.

Discutine sul nostro forum

Intervista a Matt

Sul blog Sixeyes è stata pubblicata una divertente intervista a Matt Berninger. Avendola trovata decisamente interessante, ne riportiamo di seguito la traduzione:

Sixeyes: dato che per i National dietro l'angolo c'è un breve tour primaverile, proverò a focalizzarmi sugli eventi che stanno per arrivare: come vi fa sentire esattamente tutto ciò? Intendo: un tour si profila all'orizzonte. E' come avere 10 anni ed essere prossimi al Natale, o all'uscita di scuola? O è più simile a rivedere finalmente la tua ragazza dopo essere stati un mese lontani, MA sapendo che incontrerai i suoi genitori per la prima volta?

Matt Berninger: Non è niente di tutto ciò. Ad essere onesto, non amo andare in tour. Mi piace fare gli spettacoli, ma il viaggio e la carenza di un sonno regolare mi uccidono. Inoltre bevo tanto quando ci esibiamo, il che non è di solito un problema ma dopo 8 o 9 sere di fila lo diventa. Penso spesso che sarebbe meglio se ci stabilissimo in una location e suonassimo ogni mercoledì sera. Se iniziassimo a fare troppi spettacoli comincerebbe a diventare una piccola Broadway. Sto ancora lavorando al musical Predator.

S: Questo tour includerà qualche talento extra per aggiungere colore al già ben affinato sound della band, tipo Thomas (Doveman) Bartlett o Nico Muhly?

MB: Thomas viene, ma non Nico. Anche Padma (Ed: il veterano polistrumentista collaboratore della band) dovrebbe esserci, se riusciamo a scovarlo. E' sparito da quando abbiamo avuto un periodo morto in un qualche posto in Australia chiamato Malacoota. Avremo con noi anche Ben (Lanz) e Kyle (Reznick) al trombone ed alla tromba. Sarà un ranch per vacanze.

S: Alcune 'nuove' canzoni sono circolate per un po' nel web, tra le quali la più famosa è "So Far Around The Bend", dalla compilation Dark Was The Night prodotta dai fratelli Dessner per Red Hot, sebbene anche le versioni live di "Karamazov" e "Saints" siano spuntate fuori sui forum. Sono veramente nuove canzoni scritte dopo Boxer o sono state lasciate fuori da Boxer perché non si conciliavano con le atmosfere dell'album? E c'è qualche canzone destinata al vostro prossimo album?

MB: Abbiamo un gruppetto di idee mezze pronte che abbiamo iniziato a suonare dal vivo, ma non ho la minima idea se finiranno nel prossimo disco. Le due che hai citato sono già state reinventate un paio di volte. Recentemente le abbiamo chiamate "The Runaway" e "Stonewall Jackson". Ho bofonchiato sciocchezze su entrambe. Di solito tagliamo e buttiamo via la maggior parte di ciò con cui iniziamo, quindi non c'è modo di dire se sopravvivranno. Normalmente non suoniamo live canzoni non ultimate, ma ne proveremo alcune in questo tour. Per questo nuovo album stiamo provando a cambiare il nostro processo di scrittura e registrazione e vedere che succede. Non abbiamo nessun obiettivo chiaro in mente, a parte l'evitare di ripeterci. "So Far Around The Bend" è stata scritta specificatamente per la compilation di Red Hot. Non rappresenta una nuova direzione. In realtà non l'abbiamo ancora trovata, una direzione.

S: Perché mai una band dovrebbe cambiare una formula di successo? Mi chiedo perché abbiate cambiato il modo di portare in vita le canzoni. Fa parte del tentativo di cercare di non suonare come nell'ultimo disco?

MB: Non è tanto per l'ultimo disco. Vogliamo solo essere eccitati e sorpresi. Se restiamo in territori familiari ci annoieremo e presto ci ritroveremo a provare a scrivere canzoni per il mercato. Accade perfino alle più grandi band. Non penso che i gruppi realizzino mai cosa stia loro accadendo, ma puoi sentirlo nei loro dischi. Siamo paranoici a riguardo.

S: I National sono diventati molto famosi dopo l'uscita degli ultimi due album (Alligator e Boxer) e i seguenti tour e capisco che sia ora un lavoro a tempo pieno per voi. Mi chiedo quando essere in una band di successo possa essere come lavorare. So che deve accadere, ma quando vi sembra come se foste al lavoro?

MB: Può divenire stressante e stancante ma non sembra mai davvero un lavoro. Ho fatto un sacco di lavori diversi e questo non è come nessuno di essi. E' più che altro come un safari. A volte è un'avventura figa e altre volte sei proprio perso e hai paura di morire.

S: E' un riparo scrivere qualcosa della quale si è interessati? Ho sentito delle voci su di te che lavori ad una sceneggiatura con tuo fratello. C'è almeno un piccolo nocciolo di verità in ciò?

MB: E' vero. Mio fratello Tom ed io abbiamo lavorato ad un film per un po'. L'abbiamo scritto per Phillip Seymour Hoffman, Ethan Lipton, Emily Blunt e Charles Grodin. Non ci hanno chiesto di scriverlo, l'abbiamo solo scritto pensando a loro. E' molto molto bello ma non posso dire di cosa si tratti perché certi coglioni di Hollywood ce lo ruberebbero. NON è un dramma su una strana relazione sentimentale.

S: E per finire: far parte di una band, una band di successo, vuol dire aver a che fare con la stampa (o con prepotenti bloggers) e ciò significa domande, un sacco di domande. Quindi, mi chiedo se c'è qualche richiesta che che davvero spicca nella tua memoria, per una qualsiasi ragione. Che sia idiota, geniale, o assolutamente bizzarra.

MB: Non voglio fare l'irritato o l'intelligente, ma le domande in stile Pop Quiz (ED: che ho spedito a Matt insieme a quelle di quest'intervista) sono la cosa più difficile alla quale abbia mai dovuto rispondere. Capisco che si tratti di un invito ad essere spiritosi ma è stata dura. Ci ho impiegato troppo a uscirmene con delle risposte divertenti, così di solito ho solo risposto direttamente, il che mi fa sembrare un noioso idiota.

*****

Quanto segue è invece la traduzione del Pop Quiz al quale si riferisce Matt nell'ultima risposta (ovviamente, sempre dal blog Sixeyes!):

Città preferita da visitare?
Amsterdam. Mi piacciono i canali e le biciclette, non le droghe e le puttane.

Posto preferito per esibirsi?
Still Bowery Ballroom. E' accogliente.

CD o vinile?
Ora ascolto solo roba sul mio iPod. Il suono è peggiore ma sono pigro e voltare un disco sembra una gran sacrificio adesso.

Boxer o mutande?
Mutande conservatrici.

Birra, vino o Calimocho?
Vino.

Cantante preferito?
Cambia troppo in fretta.

Coca o Pepsi?
Mi sto sforzando di pensare a qualcosa di spiritoso...niente, Coca.

Il Paziente Inglese o Alta Fedeltà?
Ho odiato Il Paziente Inglese. Spero che tutti coloro che siano stati coinvolti in quel film siano morti in una caverna. Alta fedeltà è molto bello.

Madonna o Britney?
Pepsi.

Poeta o scrittore favorito?
Troppo difficile. Ne ho una ventina.

Seann Penn o Mickey Rourke?
Difficile anche questa. Penn.

Zucchero o aspartame?
Zucchero.

Mattiniero o nottambulo? Uhh...pomeridiano?
Non penso di propendere per nessuna. Dipende da ciò che è successo il giorno prima.

Miami Vice o Starsky e Hutch?
Simon e Simon.

Bowie o Springsteen?
Una volta uscivo con una ragazza che spesso fantasticava a voce alta di essere presa tra Bowie e Jagger, il che mi fece chiudere con Bowie per un po' di anni. Springsteen ed io siamo rimasti entrambi fuori, quindi c'è un'affinità qui.

Discutine sul nostro forum

Sottocategorie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per le sue funzionalità. Cliccando su OK o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Clicca qui per saperne di più.